IL DATO NORMATIVO: i servizi di insegnamento prestati dal 1 settembre 2000 nelle scuole paritarie di cui alla legge 10 marzo 2000 n. 62, sono valutati nella stessa misura prevista per il servizio prestato nelle scuole statali” .

COSA HA STABILITO IL MIUR CON L’ORDINANZA RESA IN DATA 8 APRILE 2016: HA STRAVOLTO IL PRINCIPIO DI CUI SPPRA. Ed invero, la tabella di valutazione dei titoli, allegata all’atto impugnato, non permette agli odierni ricorrenti di poter correttamente inserire gli anni di servizio prestati nelle paritarie ai fini della mobilità territoriale. Quindi, in modo del tutto incomprensibile, il servizio prestato nelle scuole secondarie paritarie o legalmente riconosciute, non ha nessun valore di punteggio per la mobilità a domanda, d’ufficio e per le graduatorie interne d’Istituto, in quanto non sono servizi riconosciuti ai fini della ricostruzione della carriera.

COSA HA FATTO IL NOSTRO STUDIO: abbiamo impugnato l’ordinanza resa dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca – Ufficio di Gabinetto del MIUR – Prot. n°000241 del 08/04/2016 – con cui è stata disciplinata “la mobilità del personale docente, educativo ed ATA per l’anno scolastico 2016/2017 nella parte in cui, nella tabella di valutazione dei titoli e relativi allegati non permette il riconoscimento del servizio pre ruolo prestato dai ricorrenti negli istituti paritari

CHI NON HA ADERITO AI RICORSI PUÒ ANCORA FARLO? In seguito alle numerose richieste pervenute dopo la nostra vittoria in sede cautelare al Tar Lazio (sospensione degli effetti dell’ordinanza in seguito all’udienza del 23 giugno 2016 – la   mobilità   territoriale   e professionale  del   personale   docente   opera   negli   gli   ambiti territoriali, coinvolgendo,  tutti i docenti, fatta eccezione per coloro che risultano immessi in ruolo nelle fase 0 e nella fase A).

il seguente comunicato:

per chi non ha potuto impugnare l’ordinanza del MIUR sulla mobilità 2016/2017, perché’ decorso il termine di 60 giorni, si significa che stiamo avviando i ricorsi Straordinari al Presidente della Repubblica (Il ricorso straordinario è trasmesso al Consiglio di Stato per il prescritto parere, che viene reso in camera di consiglio) da depositare entro 120 giorni dalla pubblicazione.

Comunicato valido solo per chi non ha aderito e vuole ancora partecipare.

Le adesioni scadono il 20 luglio 2016. Per info: studiolegale.fasano@alice.it

scarica: modello-di-adesione

Spread the word. Share this post!

Comments (6)

  1. enrico

    Rispondi

    Gentilòe Avvocato,
    sono interessato al ricorso per ottenere il riconoscimento del punteggio per il servizio svolto nella scuola paritaria infanzia.
    Nello specifico tale riconoscimento non mi interessa ai fini della mobilità 2016/2017 ma per sempre (potendo quindi far valere il predetto punteggio anche nelle prossime operazioni di mobilita’, nelle graduatorie interne d’isituto….ecc) senza dover ricorrere ogni volta. Quindi come diritto acquisito.
    E’ possibile?

  2. ANNA

    Rispondi

    sarei interessata al ricorso per il riconoscimento del servizio in istituto parificato paritario inserito nella domanda di mobilità modello d e non riconosciuto. In attesa di notizie.

  3. Maria Mieli

    Rispondi

    Gentile staff,io sono iscritta ad un sindacato il quale non mi ha mai reso noto questa procedura per ricorrere al riconoscimento del punteggio paritario,piu’volte avevo fatto presente che mi sembrava un’ingiustizia poiché ho insegnato per otto anni e non mi veniva riconosciuto alcun punteggio.Adesso come potrei procedere,ovviamente per il prossimo futuro ? In attesa di risposta cordialmente saluto.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *