PERSONALE MILITARE DELLO STATO ARRUOLATO TRA GLI ANNI 81/83: PENSIONE DEFINITIVA INFERIORE AL DOVUTO A CAUSA DELL’ERRONEA APPLICAZIONE DELL’ART. 54, COMMA 1, DEL D.P.R. N. 1092/1973. AVVIO DEL RICORSO DIRETTO AL RICONOSCIMENTO DEL DIRITTO A VEDERSI COMPUTARE IL TRATTAMENTO PENSIONISTICO, PER LA PARTE CALCOLATA SECONDO IL SISTEMA RETRIBUTIVO, CON L’APPLICAZIONE DELLE ALIQUOTE DI CUI ALL’ART. 54, COMMI 1 E 2, DEL T.U. N. 1092 DEL 1973, OLTRE ARRETRATI ED ACCESSORI SUGLI STESSI.

In seguito ai recentissimi accoglimenti resi dalla Corte dei Conti abbiamo deciso di avviare i ricorsi diretti a contestare l’aliquota contributiva prevista nella misura del 35,9% dall’art. 44 del d.p.r. n. 1092/1973 (peraltro dettato per gli impiegati civili dello Stato), e non a quella del 44%, prevista dall’art. 54. Il ricorso proposto avrà come obiettivo

DOCENTI: Mobilità 2020: no a presentazione delle domande. Nessuna ordinanza ministeriale per il momento causa COVID-19.

A causa della grave emergenza sanitaria che attualmente sta vivendo il nostro paese, i Sindacati hanno manifestato opposizione alla proposta avanzata dal Governo. Si era ventilata la data del 16 marzo 2020 per la presentazione delle domande. Ma oggi, in assenza dell’ordinanza, da intendersi quale condizione di validità legale per la presentazione della domanda, i

FORESTALI SICILIANI E ITALIANI CON RAPPORTO DI LAVORO A TERMINE : avvio ricorso al Giudice del Lavoro per il recupero scatti biennali di anzianità. La Cassazione ha definitivamente riconosciuto il diritto.

Il nostro ricorso mira a recuperare gli ultimi 5 anni non prescritti, per un ammontare pari ad euro 4.000, oltre il diritto al computo degli scatti per l’avvenire, con scatto ogni biennio. Possono partecipare alla nostra iniziativa legale tutti i lavoratori a termine forestali, indipendentemente dalla Regione di appartenenza. Documenti necessari per l’avvio dell’azione: certificato

Docenti delle paritarie: ecco la dichiarazione rilasciata dall’Avvocato Fasano ne l’Avvenire dopo la sconvolgente sentenza della Cassazione. Il punteggio, ai fini della ricostruzione di carriera, vale e ove lo Stato italiano dovesse fare orecchie da mercante lo porteremo fino in Europa.

Il caso. Scuole paritarie, «docenti discriminati nella ricostruzione della carriera» Paolo Ferrario sabato 14 dicembre 2019 La Cassazione boccia la valutazione del servizio pre-ruolo. Il Comitato in rivolta: «Nelle buste paga paghiamo le stesse tasse dei colleghi delle scuole statali» Scuola paritaria (foto di archivio, Boato) Il servizio pre-ruolo prestato nelle scuole paritarie non può essere computato