Ottieni fino a 3000,00 euro per le annualità pregresse, oltre il diritto ai 500,00 euro, così come previsto per i Colleghi di ruolo.

La Carta del docente spetta anche ai docenti precari e non solo ai loro colleghi di ruolo.

In altre parole, è evidente la non conformità ai canoni di buona amministrazione di un sistema che, ponendo un obbligo di formazione a carico di una sola parte del personale docente (e dandogli gli strumenti per ottemperarvi), continua nondimeno a servirsi, per la fornitura del servizio scolastico, anche di un’altra aliquota di personale docente, la quale è tuttavia programmaticamente esclusa dalla formazione e dagli strumenti di ausilio per conseguirla.

In virtù dell’illegittimità degli atti impugnati (in specie: il d.P.C.M. del 23 settembre 2015 e la nota del M.I.U.R. n. 15219 del 15 ottobre 2015) nella parte in cui escludono i docenti non di ruolo dall’erogazione della cd. Carta del docente, stante la contrarietà di detta esclusione rispetto ai precetti degli artt. 3, 35 e 97 Cost.

La sentenza del CdS, n.1842/2022, ha fatto scuola colmando una disparità di trattamento tra docenti di ruolo e precari per l’acquisto di strumenti, risorse e opportunità di formazione in servizio.

Per partecipare al nostro ricorso contattaci ai seguenti riferimenti al fine di ottenere una consulenza gratuita.
1 whatsapp 3348120803
2 091545808
3 studiolegale.fasano@virgilio.it

Spread the word. Share this post!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.