tfr

DIPENDENTI REGIONE SICILIANA: TRATTENUTA DEL 2,50% PER I DIPENDENTI ASSUNTI DOPO IL 31.12.2000 – DIRITTO ALLA RESTITUZIONE – AVVIO RICORSI COLLETTVI

Il Tribunale di Milano, con la sentenza n. 742 resa in data 11 marzo 2016, ha accolto le ragioni di diritto dei ricorrenti, dichiarando l’illegittimità della trattenuta del 2,50% per i dipendenti assunti dopo il 31.12.2000. IL CASO: La ritenuta del 2,5% sullo stipendio dei dipendenti pubblici in regime di TFR è illegittima perché deve

12910221_10206281800230173_1705463629_n

DIPENDENTI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE SICILIANA: RICORSO PER LA DECLARATORIA DI MOBILITA’ – UDIENZA DEL 13 SETTEMBRE 2016

TUTELE COLLETTIVE: La nostra battaglia continua. I diritti di tutti i lavoratori della Formazione Professionale siciliana, avranno piena valutazione giudiziale nel mese di settembre 2016. Si comunica, infatti, che in seguito al deposito del nostro ricorso per la condanna della Regione siciliana alla declaratoria di mobilità (riassorbimento dei dipendenti della Formazione siciliana rimasti privi di

Schermata 2016-02-17 alle 12.08.12

DIPENDENTI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE SICILIANA – INVIO COLLETTIVO ATTO DI DENUNCIA AL MINISTERO

Le tutele collettive promosse dallo studio per i dipendenti della formazione professionale siciliana,  non si arrestano. In data odierna abbiamo contattato il Ministero del Lavoro, V Sezione, Dirigente Dott.ssa  Marinella Colucci, per illustrare il grave e ingiustificato stato di precarietà, che vede oggi coinvolti i lavoratori della formazione professionale siciliana. Abbiamo evidenziato la necessità di

12755083_10208710190180957_1445039601_o

DIPENDENTI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE SICILIANA: AL VIA I RICORSI PER LA MOBILITA’ – ECCO LA MOTIVAZIONE DI UNA DELLE ORDINANZE OTTENUTE DALLO STUDIO – RICONOSCIMENTO DELLE GARANZIE OCCUPAZIONALI NORMATIVE E CONTRATTUALI

Le tutele collettive, promosse dal nostro studio per i dipendenti della Formazione Professionale siciliana sono state già avviate. Il primo blocco di ricorrenti, infatti, è stato inserito negli atti notificati in lingua originale in Commissione Europea. Questa è la fase a dimensione comunitaria delle azioni, cui farà seguito il deposito della petizione al parlamento europeo.